Terapie

Terapia Neurale

Terapia neurale a Treviso

La neuralterapia: il trattamento che può sconfiggere il dolore

La terapia neurale o neuralterapia consiste in iniezioni (con aghi finissimi e quasi indolori) di anestetico locale allo 0,5% o 1%, in punti specifici con finalità terapeutiche e/o diagnostiche al fine di promuovere la riorganizzazione funzionale del Sistema Nervoso Autonomo e, dunque, eliminare sia il sintomo che la patologia.

La neuralterapia, infatti, ritiene che il dolore cronico (emicranie, cefalee o mal di schiena) sia causato anche da anomalie elettrofisiologiche, chiamate campi di disturbo, generati da cicatrici o traumi che creerebbero dei corto circuiti anche in punti distanti dalla sede del trauma.
I campi di disturbo possono essere costituiti da diversi fattori come ad esempio:

• ferite o tagli

• cicatrici chirurgiche (ad es. appendicectomia, cesareo, ecc.)

• focolai cronici (ad es. denti devitalizzati, sinusite cronica, ecc.)

• tessuti traumatizzati

Dobbiamo immaginare la nostra epidermide come un grande circuito elettronico dove le terminazioni nervose dialogano costantemente con il midollo spinale e di riflesso con tutti gli organi interni ad esso collegati. Una normale cicatrice, a cui spesso non diamo importanza, può rappresentare un’interruzione del corretto e completo flusso di informazioni.

Trattamento del dolore con la neuralterapia 

Le iniezioni di anesteticonel il campo di disturbo avrebbero il potere di ripolarizzare le cellule ripristinando le normali comunicazioni tra il sistema nervoso con un immediato effetto terapeutico.

La terapia neurale può essere un efficace rimedioper un'ampia serie di patologie: cefalee, emicranie, nevralgie, artriti, artrosi cervicale, lombalgia, sciatalgia ed ogni infiammazione articolare (anche traumatiche e sportive), labirintiti, acufeni, vertigini, ecc.

FISSA UN APPUNTAMENTO

È una terapia recente?

No, esiste dal 1925.

Su cosa agisce?

Permette il riequilibrio fra i sistemi ortosimpatico e parasimpatico, ovvero quei sistemi che regolano le nostre funzioni vitali senza che noi ce ne rendiamo conto (respiro digestione, metabolismo, circolazione, termoregolazione, secrezione ghiandolare ecc..). Una volta che l’equilibrio si è ripristinato, il motivo per il quale il paziente si è rivolto a noi, sia esso un dolore, una disfunzione o un fastidio, può ridursi o scomparire del tutto.

Quante sedute sono necessarie?

Il più delle volte da quattro a dieci, salvo casi particolari per patologie datate che richiedono un maggior numero di sedute.